IMPLANTOLOGIA

L’implantologia dentale è quella branca dell’odontoiatria che ha come obiettivo il ripristino dei denti mancanti attraverso l’inserimento di radici artificiali in titanio ancorate nell’osso, che possono sostenere denti singoli, gruppi di denti o possono anche fungere da supporto per una protesi completa (la cosiddetta “dentiera”).

L’impianto di denti artificiali, in sostituzione di quelli persi, consente un ripristino completo sia da un punto di vista funzionale (masticazione) che estetico, con risultati del tutto sovrapponibili a quelli dei denti naturali.

L’obiettivo di qualsiasi impianto è l’osteointegrazione, ossia la perfetta integrazione del materiale protesico nel tessuto osseo mascellare e/o mandibolare: per tale ragione oggi si utilizza quasi esclusivamente titanio (puro o in lega), materiale che previene reazioni di rigetto e da corpo estraneo, stabilendo una connessione diretta col tessuto osseo circostante e garantendo così una completa integrazione della protesi.

La perdita dei denti può essere di varia natura, traumatica o patologica (patologie dentali, parodontali o di altri tipo).

L’intervento di implantologia dentale consiste nel posizionamento di un impianto dentale in titanio nel contesto dell’osso dell’arcata dentale interessata dalla perdita.
Il risultato è un legame stabile tra osso e impianto dentale che permette di sopportare carichi masticatori elevati.

Terminato il posizionamento dell’impianto in titanio, bisogna attendere circa 3-4 mesi (osso mandibolare) o 4-6 mesi (osso mascellare) per ottenere il processo di osteointegrazione.

Trascorso tale periodo, la cui entità viene valutato del medico di volta in volta, si passa alla fase successiva, quella di scopertura dell’impianto, una seconda breve fase chirurgica in cui si espone l’impianto (fin qui perfettamente coperto mediante l’apposizione di punti di sutura) e si aggiunge un cosiddetto “pilastro di guarigione”, ossia una vite che guida i profili gengivali durante la fase di guarigione dei tessuti molli.

Una volta guarita la gengiva, il pilastro di guarigione viene rimosso e si avvita un moncone che funge da supporto per la protesi transitoria e poi definitiva.

Nel centro Dental Diaferio sfruttiamo i vantaggi offerti dalla CHIRURGIA COMPUTER GUIDATA, un preziosissimo ausilio tecnologico sia in fase di programmazione che di esecuzione degli impianti. I dati raccolti dall’esame TAC vengono trasmessi ad un software, che li utilizza per evidenziare le formazioni ossee ed i seni mascellari del paziente, programmando degli interventi virtuali di impianto. Le informazioni così ottenute vengono usate per produrre DIME CHIRURGICHE, mascherine di resina caratterizzate dalla presenza di fori in corrispondenza dei punti precisi in cui nello specifico paziente devono essere inseriti gli impianti. Una volta realizzate ed applicate nella bocca del paziente, tali strutture guideranno in modo estremamente preciso l’esecuzione dei fori che ospiteranno gli impianti, sia per quanto riguarda la loro posizione che la profondità.

Grazie alla guida attraverso computer, l’intervento viene programmato sin nei minimi dettagli e viene effettuato in modo estremamente preciso, azzerando qualsiasi possibilità di errore e garantendo tempi di recupero del paziente molto più rapidi (anche grazie all’impiego, laddove possibile, della tecnica mini-invasiva chiamata “Flap Less”, che consente al paziente un ritorno molto più rapido alle normali attività della vita quotidiana).

Domande Frequenti

E' un trattamento doloroso?

Assolutamente no! Si tratta ormai di un intervento eseguito routinariamente, in anestesia locale e sotto copertura antibiotica, per cui il paziente non avverte dolore.

Quanto dura l'intervento?

Dura in media 15/20 minuti per ogni impianto.

Quanto anni dura un impianto?

Pur con una certa variabilità individuale, la vita di un impianto va dai 10 ai 15 anni.

error: Content is protected !!